sabato 23 maggio 2015

TERROR N°206 - ITA

PAGG.187 - MB.19,5

110080573_001img.jpg


http://rapidgator.net/file/2ffb0dd82aafd525e45abdddfefae445/Ter206.zip.html

4 commenti:

  1. Grande Charles! :-)
    Andrea

    RispondiElimina
  2. Si, ok. No, non male ma...

    Qui siamo ad un numero alto di Terror (mancano solo 10 numeri alla conclusione della serie) che puo' essere preso come emblematico testimone della fase finale del fumetto. Gli ingredienti, potenzialmente, ci sono tutti: il giornalista troppo ambizioso, la bella del circo, il forzuto, i gemelli nani... Siamo ormai oltre la meta' degli anni '80 e il "fan-service" porno e' presente, esplicitamente e senza problemi.

    Allora perche' non mi convince pienamente? I temi dell'epoca d'oro del fumetto (il maligno, le ambientazioni gotiche, scheletri e vampiri... ) non vanno piu' e sono state sostituite da tematiche moderne (serial killer, politici corrotti, cinismo televisivo etc...) il problema, a mio avviso, e' che cio' avviene senza trovare un'atmosfera convincente. Piu' spinto ma anche tutto molto piu' freddo, insomma.
    Vedi, in questo caso, il giornalista televisivo trasformato in modo retorico in una specie di super-criminale che ordisce piani cervellotici per pianificare i propri scoop. Ma senza un movente "soprannaturale", appare tutto abbastanza freddo e improbabile, non si capisce cosa lo spinga veramente. I soldi? bho, sembra gia' ricco e pieno di donne...
    Stesso discorso anche per i nani che si prestano ad uno stupro palesemente inverosimile (non possibile che una propria abituale dipendente non li riconosca solo perche' si son messi una mascherina!)
    Eppoi: anche loro lo fanno per denaro, rimanendo persino sinceramente addolorati... Vergogna! ...da che mondo e' mondo, in questi fumetti non s'era mai visto un nano che non fosse anche un libidinoso! :D

    Vabbe', tra gli aspetti positivi, va detto che l'episodio e' lungo, disegnato davvero bene, con tavole molto dettagliate, da tale Aparici che non conosco ma che ha uno stile moderno ( forse un po' all' "americana", per intenderci).

    grazie per il file,
    Seven

    RispondiElimina
  3. Il disegnatore è Juan F. Aparici, uno spagnolo molto attivo in Italia negli anni 70. Per “Terror” illustra dieci albi, più altri quattro per “Terror Special”. Ha lavorato anche per L’Intrepido e il Monello, e per la Ediperiodici su “Oltretomba”.
    Grazie Seven per le sempre eccellenti riflessioni, e grazie Charles!

    RispondiElimina